1 Marzo 2014

Il pensiero del giorno*


Maria all’anima:

Figlio, nelle prove, quando sei angariato, sii paziente: Guarda l’agricoltore: egli aspetta con costanza il prezioso frutto della terra finché abbia ricevuto le prime e le ultime piogge (Gc 5,7). La sequela del Cristo è portare frutto nella pazienza; il discepolo perfetto custodisce la parola di Gesù in un cuore bello e buono, in un cuore spazioso e non ristretto (Gb 36,16), fa cadere il seme della Parola su un terreno buono: Quello sul terreno buono sono coloro che, dopo aver ascoltato la Parola con cuore integro e buono, la custodiscono e producono frutto con perseveranza (Lc 8,15). Figlio, nei momenti della prova, gettati nelle braccia del Padre come ha fatto Gesù: sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto. Con la vostra pazienza salverete la vostra vita (Lc 21,17-19).


* Queste parole sono rivolte al nostro cuore, come se fosse Maria a suggerirle. Restiamo in intimo ascolto, accogliamo Maria come nostra Maestra

28 Febbraio 2014

Il pensiero del giorno*


Maria all’anima:

Aggiungi didascalia
Credo in un solo Signore, Gesù Cristo… Figlio, Gesù è Signore del cielo e della terra, non abita in templi costruiti da mani d’uomo (At 17,24), ma nel tuo cuore. Gesù ha scelto il tuo cuore come sua dimora (1Cor 3,16), ma non vuole costringerti con la violenza, o con le catene o con i flagelli: Ecco: sta alla tua porta e bussa. Se ascolti la sua voce gli apri la porta, Egli verrà da te, cenerà con te e tu con Lui (Ap 3,20)Figlio, oggi Gesù vuole fermarsi nella tua casa, aprigli il cuore ed egli vi prenderà dimora. Ho aperto all’amato mio (Ct 5,6), voglio cantare al Signore finché ho vita, cantare inni al mio Dio finché esisto (Sal 104,33), perché oggi per questa casa è venuta la salvezza, infatti il mio Signore è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto (Lc 19,9-10).




* Queste parole sono rivolte al nostro cuore, come se fosse Maria a suggerirle. Restiamo in intimo ascolto, accogliamo Maria come nostra Maestra.



Il pensiero del giorno*


Maria all’anima:

Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, Creatore del cielo e della terra,  di tutte le cose visibili e invisibili. Figlio, Dio ha creato il cielo e la terra, il mare, il sole e la luna, le stelle, ha creato anche te e ti ha donato tutte le sue opere: Facciamo l’uomo a nostra immagine, secondo la nostra somiglianza: dòmini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutti gli animali selvatici e su tutti i rettili che strisciano sulla terra (Gen 1-2). Stupore, rendimento di grazie, adorazione..., questi i sentimenti che devono incendiare il tuo piccolo cuore dinanzi allo splendore e magnificenza del Creato. Figlio, questa è la tua vocazione: Voi invece siete stirpe eletta, sacerdozio regale, nazione santa, popolo che Dio si è acquistato perché proclami le opere ammirevoli di lui, che vi ha chiamato dalle tenebre alla sua luce meravigliosa (1Pt 2,9).




* Queste parole sono rivolte al nostro cuore, come se fosse Maria a suggerirle. Restiamo in intimo ascolto, accogliamo Maria come nostra Maestra.



 26 Febbraio 2014

Il pensiero del giorno*


Maria all’anima:

Figlio, ci sono persone che si vantano dell’amicizia dei grandi e dei potenti. Altri si vantano della propria sapienza, e altri ancora delle loro ricchezze o dei loro beni. Tu, Figlio mio, non ti vantare di queste cose: quanto a te invece non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo (Gal 6,14). A chi si vanta della bellezza del corpo, o della libertà per vivere secondo i propri capricci, tu puoi rispondere: solo dalla Croce proviene ogni bellezza, solo la Croce dona la vera libertà: in Cristo sei una nuova creatura e l’uomo vecchio che è in te è stato crocifisso con lui, affinché tu non fossi più schiavo del peccato (2Cor 5,17; Rm 6,6). Nella Croce trovi il Grande e il Potente che ti ha riscattato dal peccato e dalla morte. Nella Croce trovi il Sapiente il quale ti svela l’amore dl Padre. Nella Croce trovi il Ricco che si è fatto povero per arricchirti per mezzo della sua povertà (2Cor 8,9). Solo nella Croce la tua anima diventa più bella, e, libera dai lacci delle passioni e dei vizi, già possiede la gioia del Paradiso.



* Queste parole sono rivolte al nostro cuore, come se fosse Maria a suggerirle. Restiamo in intimo ascolto, accogliamo Maria come nostra Maestra.

 25 Febbraio 2014

Il pensiero del giorno*


Maria all’anima:
 
Figlio, se il Signore non costruisce la casa, invano si affaticano i costruttori (Sal 126,1). Tu sei la casa, il tempio di Dio e lo Spirito di Dio abita in te (1Cor 3,16). Questa casa deve essere costruita da Dio, ma occorrono anche i tuoi mattoni (1Pt 2,5). Questa casa non la devi edificare su terreno molle, sabbioso, né su terreno friabile, instabile e sfuggente, ma il suo fondamento deve poggiare sulla Parola di Dio e sugli Apostoli. Quando la casa, costruita da Dio con i tuoi mattoni, è terminata, tu devi custodirla e adornarla con la bellezza e lo splendore delle grazie spirituali.



* Queste parole sono rivolte al nostro cuore, come se fosse Maria a suggerirle. Restiamo in intimo ascolto, accogliamo Maria come nostra Maestra.

 24 Febbraio 2014

Il pensiero del giorno*


Maria all’anima:

Figlio, custodisci nella mente e nel cuore questa Parola: “Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro” (Mt 11,28). Questa Parola ti invita a entrare nel Cuore di Gesù e trovarvi riposo. Affrettati dunque ad entrare in questo riposo (Eb 4,11), entra per trovare la gioia impassibile, per trovare un’eredità che non si corrompe, non si macchia e non marcisce (1Pt 1,4). Figlio, entra in questo riposo dove ci sono “cose tanto grandi da non potersi indagare, meraviglie da non potersi contare” (Gb 5,9). Figlio, ti torni in mente Gerusalemme (Ger 51,50), sospira verso la tua patria, tendi in alto verso la Sposa dell’Agnello (Ap 21,9), entra nella città del Signore Dio (Ap 22,14) e contempla il tuo Re che regna mansueto in essa (Ap 22,3). Entra nel Cuore di Gesù, la tua anima trovi pace e riposo e si intenerisca il tuo cuore al ricordo delle misericordie del tuo dolce Redentore.




* Queste parole sono rivolte al nostro cuore, come se fosse Maria a suggerirle. Restiamo in intimo ascolto, accogliamo Maria come nostra Maestra.

 23 Febbraio 2014

Il pensiero del giorno*


Maria all’anima:

Figlio, se vuoi dare l’anima tua a Dio, allontanati dalle cose mondane. Figlio il tempo si è fatto breve; d’ora innanzi, quelli che usano i beni del mondo, come se non li usassero pienamente: passa infatti la figura di questo mondo! (1Cor 7,29.31). Allontanarsi dal mondo significa non lasciarsi irretire nei legami dell’esteriorità. Un cuore mondano rende pavida l’anima. Figlio, finché l’amore del mondo predomina in te, non potrai essere audace e impavido in mezzo alle battaglie che flagelleranno la tua vita. Se sei mio Figlio, non puoi amare il mondo, chi ama Gesù non si interessa del mondo, e solo per Gesù sarà tutto il suo amore.







* Queste parole sono rivolte al nostro cuore, come se fosse Maria a suggerirle. Restiamo in intimo ascolto, accogliamo Maria come nostra Maestra.

22 Febbraio 2014

Il pensiero del giorno*




Maria all’anima:

Figlio, la carità tutto soffre, è paziente nel sopportare e benigna nell’amare. Come ti suggerisce l’Apostolo, sii sollecito nel portare i pesi dei fratelli: “Portate i pesi gli uni degli altri: così adempirete la legge di Cristo” (Gal 6,2). Figlio, impara a sopportare pazientemente i difetti dei tuoi fratelli, impara a sopportare nella carità ( Ef 4,2). La carità, l’amore verso il prossimo, questa è la Legge di Cristo. Egli veramente si è caricato delle vostre sofferenze, si è addossato i vostri dolori (Is 53,4). Questo è l’esempio che devi seguire, questa è la carità che deve animare la tua vita. Figlio, è in ragione di questa carità che tutto deve essere fatto o non fatto, cambiato o non cambiato. 



* Queste parole sono rivolte al nostro cuore, come se fosse Maria a suggerirle. Restiamo in intimo ascolto, accogliamo Maria come nostra Maestra.



 21 Febbraio 2014

Il pensiero del giorno*




Maria all’anima:

Figlio, oggi voglio condurti nel deserto e parlare al tuo cuore (Os 2,16). Se stai lodevolmente nella solitudine ti dedicherai più agevolmente alla preghiera, alla contemplazione e alle opere sante, giovando a te stesso, e il profumo delle tue virtù rafforzerà nel cammino della santità tutti coloro che lo percepiranno. Nella solitudine tutte le cose create ti aiuteranno a far riposare la tua anima nella gioia dei beni celesti e imperituri. Stando nella solitudine, evitando i pericoli del mondo, la seduzione della carne e le insidie del diavolo, sarà tuo unico desiderio unirti indissolubilmente a Gesù, e il tuo cuore canterà: “Per me, il mio bene è stare vicino a Dio; nel Signore Dio ho posto il mio rifugio, per narrare tutte le tue opere” (Sal 73,28).



* Queste parole sono rivolte al nostro cuore, come se fosse Maria a suggerirle. Restiamo in intimo ascolto, accogliamo Maria come nostra Maestra.

 20 Febbraio 2014

Il pensiero del giorno*


Maria all’anima:

Figlio, Gesù ti manda nel mondo per annunciare la sua Parola. Cerca di essere eminente per scienza. Non ricercare la scienza profana, ma quella che è stata indicata dalla Sapienza divina: “Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura” (Mc 16,15). Nel Vangelo, e in tutte le sacre Scritture, devi essere dotto, perché non sei inviato ad annunziare la filosofia, o opere letterarie pur eccellenti per contenuto: queste opere umane possono contenere cose meravigliose, ma non cose da credere. Figlio, dèdicati alla lettura, all’esortazione e all’insegnamento (1Tm 4,13): prima alla lettura, poi all’insegnamento.


* Queste parole sono rivolte al nostro cuore, come se fosse Maria a suggerirle. Restiamo in intimo ascolto, accogliamo Maria come nostra Maestra.



 19 Febbraio 2014



Il pensiero del giorno*


Maria all’anima:



Figlio, quando si compirono per me i giorni del parto, diedi alla luce il mio Figlio primogenito, lo avvolsi in fasce e lo posi in una mangiatoia (Lc 2,6-7). Gesù, il mio Figlio primogenito… l’ho riscaldato fra le mie braccia, e l’ho circondato di cure materne. Figlio, si tratta proprio dello stesso Gesù il cui Corpo tu ricevi ed il cui Sangue redentore bevi nel sacramento dell’altare. In quella notte santa, i pastori vennero senza indugio ad adorare il Bambino (Lc 2,16), e tu corri senza indugio all’altare per nutrirti del Pane disceso dal Cielo? I pastori, poi, se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto (Lc 2,20), tu dopo che hai mangiato il Pane della Vita eterna glorifichi e lodi Dio per il dono che hai ricevuto? Figlio, Io ti ho dato di che cibarti, e l’ingresso alla mensa celeste è stato spalancato dinanzi a te: non disprezzare con una vita insana il dono che ti è stato fatto.




* Queste parole sono rivolte al nostro cuore, come se fosse Maria a suggerirle. Restiamo in intimo ascolto, accogliamo Maria come nostra Maestra.




18 Febbraio 2014

Il pensiero del giorno*


Maria all’anima:

Porgi l’orecchio, Figlio, ascoltami, sta’ in silenzio e io ti insegnerò la sapienza (Gb 33,31.33). Ama il silenzio, non ti allontanare volentieri dal silenzio, il silenzio è la sorgente di tutte le virtù. Figlio, se vuoi progredire nella grazia, pratica il silenzio. Persevera nel silenzio e conoscerai i segreti celesti e sarai abitato dalla potenza dello Spirito Santo. Chi abbandona il silenzio non può vincere le proprie passioni, né abbattere il Nemico. Se vuoi vincere la carne, il mondo e il diavolo sta’ in silenzio davanti al Signore e spera in lui (Sal 37,7): è bene aspettare in silenzio la salvezza del Signore (Lam 3,26).



* Queste parole sono rivolte al nostro cuore, come se fosse Maria a suggerirle. Restiamo in intimo ascolto, accogliamo Maria come nostra Maestra.